Skip to main content

Uefa: ufficiale la Juventus fuori dalle coppe

Ufficiale la decisione della UEFA di escludere per un anno i bianconeri dalle competizioni europee per via del “caso plusvalenze”. La Juve salterà così la UEFA Conference League della stagione 2023/24

E’ arrivata la tanto attesa decisione della UEFA in merito al “caso plusvalenze” della Juventus. Il club bianconero è stato escluso dalle competizioni europee UEFA per la prossima stagione, quella del 2023/24. I bianconeri dunque salteranno la UEFA Conference League, competizione inaugurata nel 2021/22 e che la Juventus avrebbe giocato per la prima volta in virtù del settimo posto maturato al termine dello scorso campionato (e su cui pesano i 10 punti di penalizzazione inflitti proprio per il “caso plusvalenze”).
Oltre alla squalifica al club è stata commissionata anche una maxi multa da 20milioni di euro! Di questa multa, 10 milioni sono con la “condizionale”: la Juventus non dovrà pagarli se i conti risulteranno in regola con i parametri UEFA nei bilanci 2023, 2024 e 2025.
Il provvedimento imposto dalla UEFA non colpisce quindi la sezione femminile del club, le J Women. La squadra femminile potrà regolarmente disputare le competizioni UEFA anche nella stagione 2023/24 e dunque partecipare alla Champions League femminile.

CONFERENCE LEAGUE: FUORI LA JUVE, DENTRO LA FIORENTINA

Con la squalifica della Juventus, che durerà nelle competizioni UEFA per una sola stagione, l’Italia non perde comunque le sue rappresentanti. Il posto dei bianconeri in Conference League verrà preso dalla Fiorentina, finalista di questa competizione proprio nella scorsa edizione, terminata nella sfortunata serata di Praga contro il West Ham lo scorso 7 giugno. La Viola di Vincenzo Italiano potrà così provare a difendere il percorso fatto lo scorso anno.

COMUNICATO JUVE: “NOI CORRETTI, MA NON FAREMO RICORSO”

Juventus Football Club S.p.A. comunica che la Prima Camera dello UEFA Club Financial Control Body (“UEFA CFCB”) ha assunto in data odierna la decisione con la quale ha definitivamente chiuso il procedimento avviato in data 1 dicembre 2022 volto alla verifica del rispetto del framework regolamentare UEFA. Juventus, pur continuando a ritenere inconsistenti le asserite violazioni e corretto il proprio operato, ha dichiarato di accettare la decisione rinunciando a proporre appello, escludendo espressamente, e lo UEFA CFCB prendendone nota, che questo possa costituire ammissione di qualsiasi responsabilità a proprio carico”. Inizia così il comunicato stampa attraverso il quale la Juventus prende posizione dopo la sentenza Uefa che ha escluso il club bianconero dalle coppe europee (e in particolare dalla Conference League) per la stagione 2023-24.
La decisione della Prima Camera dello UEFA CFCB comporta la risoluzione del Settlement Agreement tra UEFA e Juventus del 31 agosto 2022 e l’esclusione di Juventus dalla UEFA Conference League della stagione sportiva 2023/2024. Per effetto della decisione, Juventus sarà tenuta al pagamento di un contributo economico di euro 10 milioni in parte trattenuto dagli introiti della partecipazione alle competizioni UEFA nelle prossime stagioni sportive e potrebbe essere tenuta al pagamento di un ulteriore contributo economico condizionale pari a euro 10 milioni nel caso in cui i bilanci di Juventus al 30 giugno 2023, 2024 e 2025 presentassero significative violazioni delle UEFA Club Licensing and Financial Sustainability Regulations (“CL&FS”); tale importo condizionale sarebbe eventualmente trattenuto dagli introiti della partecipazione alle competizioni UEFA nelle prossime stagioni sportive”.