Skip to main content

Tennis: Australian Open Djokovic batte Rublev e passa in semifinale contro Tommy Paul

Ennesima dimostrazione di forza del campione serbo che annichilisce la testa di serie n° 5 del tabellone, Rublev, con il punteggio di 6-1 6-2 6-4 in due ore.

Niente di nuovo al chiaro di luna di Melbourne. Novak Djokovic conquista la semifinale degli Australian Open (la 44ª Slam) demolendo la testa di serie n° 5, Andrey Rublev, con il punteggio di 6-1 6-2 6-4 in due ore. Il serbo affronterà per la prima volta in carriera l’americano Tommy Paul che nella notte ha battuto il connazionale Ben Shelton in quattro set. Dall’altra parte del tabellone Tsitsipas-Khachanov.

Dominio tecnico, tattico e mentale. Dagli ottavi con de Minaur, Novak Djokovic è entrato ufficialmente in “modalità GOAT” e nulla e nessuno (al momento) è stato in grado di opporsi. Neppure la gamba che a inizio torneo gli ha dato qualche preoccupazione. Tanto meno un confuso e nervosissimo Rublev, prosciugato da una maratona con il giovanissimo talento Rune giusto un paio di giorni fa. Il russo ha avuto cinque palle break in chiusura di primo e secondo set, carezze in confronto alle sberle di Nole nelle due ore di gioco, condite da 14 ace, l’80% dei punti con la prima e 32 vincenti, con il 73% di efficacia a rete. La Bibbia del tennis racconta che ogni volta che il Djoker ha raggiunto la semifinale nell’Happy Slam ha vinto il torneo, dunque un parziale di 18 match (e che match!) vinti a 0.