Skip to main content

Serie A: Salernitana-Milan 1-2 i rossoneri ripartono con i +3

I rossoneri trovano il successo all’Arechi e si portano momentaneamente a -5 dal Napoli

Il Milan riparte con una vittoria, ma rischia di complicarsi la vita. I rossoneri vincono 2-1 sul campo della Salernitana, in una partita che sembra in controllo ma che diventa sudata nel finale, con il gol di Bonazzoli all’83’ a riaprire tutto. Il Diavolo era passato in vantaggio al 10’ con Leao, al quarto d’ora il punteggio era già di 2-0 con il raddoppio di Tonali. Il peccato dei campioni d’Italia è non chiudere il discorso: Ochoa, all’esordio tra i pali dei granata, para di tutto (soprattutto a Giroud, in campo dal 1’); Brahim Diaz si vede annullare il gol per fuorigioco. Nel finale la Salernitana ci crede, ma non ha l’occasione per pareggiare: Diavolo a -5 dal Napoli, terza sconfitta di fila per Nicola.

PRIMO TEMPO

La Salernitana inizia il proprio match in maniera grintosa, spinto dal pubblico delle grandi occasioni, splendido come sempre. Il Milan non subisce alcun contraccolpo psicologico, difende in maniera organizzata, rischiando poco o nulla e inizia man mano a farsi vedere sempre più concretamente in zona offensiva.

Dopo una decina di minuti arriva la prima grande occasione del match, targata Leao: il portoghese, da solo dinanzi ad Ochoa, si lascia ipnotizzare dal messicano e spreca una grande occasione. Passano però pochi minuti e l’ex Lille si riprende subito la scena: filtrante di Tonali, controllo perfetto in velocità, portiere superato e palla depositata in rete per lo 0-1 momentaneo.

La Salernitana è in difficoltà, il Milan continua ad attaccare con verve ed entusiasmo, spinto da un Leao sbloccato, che semina nuovamente il panico sulla fascia sinistra e dà il via all’azione del raddoppio: tiro di Tonali ribattuto, palla che arriva a Diaz, sponda dello spagnolo e nuova conclusione, questa volta vincente, del numero 8 rossonero ex Brescia.

Da questo momento il cronometro scorre in maniera serena e tranquilla, il Milan gestisce il possesso e non rischia praticamente mai contro una Salernitana troppo timida e sterile. I rossoneri sfiorano poi nuovamente il gol, prima con Brahim Diaz e poi con Giroud nel finale del primo: all’intervallo però il risultato è di 0-2.

SECONDO TEMPO

Nella seconda frazione i ritmi calano drasticamente. Il Milan gestisce il possesso della sfera con serenità: pieno controllo in una seconda frazione in cui la Salernitana sembra incapace di reagire e fare male ai propri avversari.

I rossoneri si difendono senza affanni e sfiorano il triplo vantaggio in più di un’occasione, specialmente con Olivier Giroud. Il terzo gol a dire il vero arriva, ma poco dopo viene annullato al Var per fuorigioco di Brahim Diaz. Lo stesso Var si rende protagonista una decina di minuti dopo, in occasione dell’espulsione, poi revocata, a Bradaric.

Di occasioni nette per la Salernitana non ne arrivano, mentre nel Milan Giroud e De Ketelaere sfiorano ancora una volta la rete. A tenere a galla i granata è Ochoa, autore di diverse ottime parate. C’è entusiasmo nell’aria nonostante il risultato, la Salernitana ci crede e trova la rete del momentaneo 1-2: cross di Coulibaly e inserimento perfetto di Bonazzoli che riapre il match.

I granata ci provano nel finale, ma il Milan si difendono con ordine e, alla fine dei conti, non rischia nulla di particolarmente concreto. La partita finisce con una vittoria dei rossoneri, per 1-2.