Skip to main content

Serie A: la Roma di Mourinho pensa a Frattesi

Davide Frattesi e la Roma è un matrimonio inevitabile, ma quando e a che condizioni si concretizzerà? Il Sassuolo vuole intascarsi 30 milioni, la Roma prova a percorrere la strada dello scambio con giovani.

Frattesi-Roma è scritto nelle stelle e nel destino, ora è solo una questione di tempo. I contatti tra la dirigenza giallorossa e il Sassuolo sono ripresi negli ultimi giorni, anche se riuscire a portare il centrocampista classe ’99 a Trigoria già da gennaio rimane un’operazione complessa e improbabile. Prima di tutto c’è una trattativa da far quadrare, e quella di Carnevali si è confermata essere una bottega cara, carissima per i top club di Serie A e d’Europa. Poi ci sono le esigenze tattiche di Mourinho: Frattesi è veramente il rinforzo ideale per il centrocampo giallorosso?

Il Sassuolo, già questa estate, aveva piazzato sul suo gioiello un prezzo di 30 milioni di euro. Quotazione che è destinata a salire nonostante la stagione di alti e bassi degli uomini di Dionisi. Frattesi è cresciuto nelle giovanili della Roma, ed è passato al Sassuolo nel quadro della trattativa per portare Defrel in giallorosso. Il club capitolino vanta ancora il 30% del cartellino del giocatore, che diventa di per sè uno sconto automatico sul grosso da pagare.

Tiago Pinto è disposto ad inserire uno tra Volpato e Bove nella trattativa, abbassando ulteriormente il prezzo. Ma ciò potrebbe non bastare per rendere la trattativa abbordabile, specialmente con le tempistiche di metà stagione. Inoltre Mourinho non vorrebbe privarsi dei suoi giovani, e preme per inserire un diritto di recompra. Insomma, le basi su cui si installa quella che dovrebbe essere una trattativa lampo non sembrano abbastanza solide. La Roma probabilmente dovrà pazientare fino a quedsta estate, quando la volontà del giocatore di riunirsi al suo club d’infanzia peserà molto di più.

Il legame di cuore è innegabile: Frattesi vuole solo la Roma, e potrebbe seguire le orme di capitan Pellegrini nel prossimo futuro. E’ innegabile anche la necessità di un rinforzo a centrocampo per Mourinho. Ma non un rinforzo qualunque: nella tanto chiacchierata intervista post-Sassuolo, Mourinho – oltre ad affossare Karsdorp – aveva denunciato una mancanza di estro, creatività e fantasia nel suo organico. Tutte caratteristiche che ci fanno risalire a Frattesi, alla sua capacità di garantire quantità in un ruolo box-to-box e allo stesso tempo di dare qualità alla manovra inventando tra le linee. Complementerebbe bene Cristante o Matic, in attesa del ritorno di Wijnaldum (scelta sfortunata di Pinto, che aveva preferito investire sull’ olandese anziché sull’azzurro questa estate).