Skip to main content

Serie A: la Lazio vince contro l'Empoli e chiude al 2° posto

Missione compiuta per la Lazio che chiude davanti all’Inter, al secondo posto della classifica. Romagnoli sblocca la gara in mischia al 48′, nel finale è Luis Alberto a chiudere i conti. Vittoria meritata per la squadra di Sarri, vicina al gol in molte occasioni

La Lazio supera l’Empoli di un super Vicario e guadagna il secondo posto nella partita valida per la 38ª giornata di Serie A. Vicario tiene in piedi l’Empoli quanto può ma alla fine si arrende a un colpo di testa di Romagnoli. Luis Alberto nel finale arrotonda il risultato dopo il rosso a Cambiaghi.

PRIMO TEMPO

Zanetti conferma Piccoli vista l’assenza di Caputo e piazza Fazzini dietro l’ex Verona e Cambiaghi. Sarri tiene fuori Zaccagni per Pedro, con Patric al posto di Casale in difesa. Approccio timido dei padroni di casa con il pallone perso da Grassi che porta al tiro Luis Alberto, ma Vicario è attento. Pedro si muove poco e spara a salve, mentre è dalla destra che Hysaj appare il più ispirato. Da un suo cross arriva il colpo di testa di Immobile allungato in corner da Vicario. Il portiere friulano, corteggiato dalla Lazio in estate, ci mette il piede su un tiro da fuori di Patric e poi è fantastico con la mano aperta a dire di no ancora a Ciro Immobile, imbeccato da una verticale ottima di un Milinkovic-Savic che viaggia a corrente alternata. L’Empoli si difende molto bene e con ordine non pungendo praticamente mai l’ex Provedel, che trascorre un primo tempo da spettatore fino al duplice fischio che porta le squadre all’intervallo sullo 0-0.

SECONDO TEMPO

La Lazio capitalizza il sostanziale predominio del primo tempo passando subito in vantaggio nella ripresa, e lo fa sfruttando il tallone d’Achille dell’Empoli: le palle inattive. Corner tagliato di Luis Alberto e Romagnoli anticipa Luperto sul primo palo per insaccare di testa il gol del vantaggio. Entra Zaccagni per Pedro, e l’ex Verona ci mette poco a chiamare Vicario all’ennesima parata, con Immobile murato poi dalla difesa empolese. I padroni di casa ci provano ma anche con i cambi faticano a presentarsi con pericolosità dalle parti di Ivan Provedel, mentre la Lazio spinge, senza esagerare, alla ricerca del raddoppio. Lo fa con il solito voglioso Immobile, che sbatte sempre contro la saracinesca calata da Vicario. Il portiere esce per la standing ovation e la Lazio ne approfitta bucando subito l’Empoli rimasto in 10 per il rosso a Cambiaghi. Zaccagni inizia l’azione, Immobile rifinisce per Luis Alberto che incenerisce Ujkani e sigilla il secondo posto in classifica per la squadra di Sarri.