Skip to main content

Serie A: la Juventus batte di misura il Verona 1-0

La Juventus riprende da dove aveva lasciato prima della sosta e dopo la vittoria sull’Inter riparte da 1-0 anche contro il Verona.

Uno 0-1 a San Siro aveva lanciato prima della sosta. E da un 1-0, sebbene meno convincente, la Juventus riparte anche dopo la pausa delle nazionali. I bianconeri, con tante seconde linee o giocatori al rientro, faticano non poco per sfondare la resistenza del Verona. La squadra di Allegri però si fa bastare un sigillo di Moise Kean, bravo a sfruttare a inizio ripresa un bell’assist di Locatelli. La Juve trova così la settima vittoria nelle ultime otto; o meglio ancora l’11a vittoria nelle ultime 13 uscite ufficiali in tutte le competizioni. Un cammino che rimette lì la Juventus a portata teorica di Champions. Poi, certamente, ci saranno tutte le questioni legali. Ma quello dei tribunali, si sa, è ormai un altro discorso.

PRIMO TEMPO

Allegri recupera Milik e lo schiera accanto a Kean in attacco con De Sciglio a sinistra; Zaffaroni deve rinunciare a Lazovic e sulle fasce piazza Faraoni e DePaoli con la coppia Lasagna-Gaich avanti. Il primo tiro in porta è degli ospiti con Duda che trova Szczesny attento. La Juve fatica nei primi minuti ad imbastire trame efficaci mentre il Verona è molto ordinato in fase difensiva. Al 15′ occasione per Depaoli che su un cross di Lasagna colpisce di prima intenzione e sfiora il secondo palo. Troppo compassata la manovra bianconera, servirebbe un guizzo: ci prova Cuadrado su punizione ma alza troppo sopra la traversa. I gialloblu restano disciplinati attorno alla regia di Veloso ma pungono pochissimo e allora al 37′ ci riprova su punizione la Juve: il tiro di Danilo viene deviato sul palo dalla schiena di Depaoli. All’intervallo è ancora 0-0.

SECONDO TEMPO

Dagli spogliatoi rientra Miretti al posto di Barrenechea nel centrocampo juventino. Il copione della partita non cambia, con la Juve lenta e il Verona che copre bene il campo. Poi al 55′ il primo momento di svolta: Miretti serve Locatelli che imbecca Kean da solo in area, l’occasione è ghiotta e viene sfruttata per l’1-0. Dopo cinque minuti Allegri cambia il duo d’attacco inserendo Vlahovic e Di Maria. Lo svantaggio sembra lasciare strascichi nella testa dell’Hellas che fatica a riorganizzarsi; dalla panchina Zaffaroni butta nella mischia Cabal, Doig e Verdi nel tentativo di scuotere i suoi. Latitano le occasioni, anche quelle potenziali, con l’eccezione di una conclusione di Di Maria sporcata da Cabal; nel finale invece c’è qualche brivido in più. All’82’ il neo entrato Terracciano chiama all’intervento Szczesny con un tiro insidioso da fuori area: il polacco risponde presente. All’87’ torre di Gatti per Bremer che nell’area piccola in maniera incredibile manda fuori. Il forcing finale dei gialloblu è sterile e si conclude con un nulla di fatto. Finisce 1-0 per la Juve.