Skip to main content

Serie A: il derby d'Italia va alla Juventus che vince con 1 gol di Kostic contro l'Inter

Il derby d’Italia viene deciso da un diagonale incrociato di Kostic al 23′: Allegri si porta a -7 dal quarto posto, Inzaghi incappa nel terzo ko nelle ultime quattro partite di campionato e viene scavalcato dalla Lazio

Il derby d’Italia va alla Juventus, come all’andata. La squadra di Allegri passa 1-0 a San Siro grazie al gol di Filip Kostic al 23′ e ad una prova di grande intensità e condanna l’Inter al terzo posto (la Lazio ha scavalcato i nerazzurri con la vittoria nel derby di Roma). Dopo il triplice fischio dell’arbitro Chiffi espulsi D’Ambrosio e Paredes per un accenno di rissa. I bianconeri, in attesa della decisione del Collegio di Garanzia del Coni sui 15 punti di penalizzazione, si portano a -7 dal Milan, attualmente al quarto posto.

PRIMO TEMPO

Una prima frazione molto fisica, come ce l’aspettavamo. Le due squadre partono forte dal punto di vista dei ritmi, ma tendono a scoprirsi poco, studiandosi attentamente sotto l’aspetto tattico.

A partir forte è l’Inter, con una doppia occasione targata Barella, su cui però entrambe le volte si mette in mostra Szczesny con la solita reattività. Sempre attento e ben posizionato, il portiere polacco mantiene inviolata la propria porta nel corso della prima frazione, a differenza di Onana, che invece viene bucato al 23′ da Filip Kostic.

Il serbo, in un momento di forma pazzesco, sfruttando l’assist del sempre presente Rabiot, lascia partire dal proprio sinistro un vero e proprio missile raso terra che silura letteralmente il portiere nerazzurra. Il cronometro scorre, nel segno di contrasti fisici e poche occasioni: ragion per cui il primo tempo termina 0-1 per gli ospiti.

SECONDO TEMPO

Anche nella seconda frazione i contrasti e gli scontri tengono principalmente banco in un match battagliero. Le due squadre si affrontano con intensità, sacrificio e applicazione. L’Inter mantiene il pallino del gioco, creando diverse sortite offensive, ma subendo allo stesso tempo molteplici ripartenze bianconere, spesso però sfumate per imprecisione o poca freddezza.

Di occasioni nitide non ce ne sono, il match volge verso la fine tra numerosi scontri, diversi falli e momenti delicati. Alla fine però la spunta la Juventus, grazie alla perla di Kostic nel primo tempo, decisiva per una vittoria fondamentale.