Skip to main content

Serie A: i 10 colpi di Mercato più interessanti

Dal calciomercato di questa estate 2022 sono arrivati tantissimi nomi interessanti per la nostra Serie A. Vediamo le 10 New Entry più interessanti

1) CHARLES DE KETELAERE (MILAN)

Sicuramente al primo posto il belga del Milan, costato oltre 30 milioni di euro e che dopo una trattativa lunga ed estenuante è arrivato alla corte di Pioli in pompa magna. Mancino puro, che al Bruges ha incantato e che può giocare in tutti i ruoli sulla trequarti rossonera. Un classe 2001 chiamato a fare la differenza, che scatena sicuramente piú hype rispetto a Yacine Adli, altro giocatore interessante approdato al Milan e che sarà molto utile. Da CDK, come l’hanno ribattezzato, ci aspettano gol, assist e giocate: ha il talento per imporsi.

2) KHVICHA KVARATSKHELIA (NAPOLI)

La grande scommessa del Napoli per il post Insigne. Georgiano, strutturato fisicamente (alto 183 cm), con grande potenziale e grande estro. Classe 2001 che ha già convinto Spalletti e che con Kim Min-Jae (coreano arrivato dal Fenerbahce) rappresenza uno dei nuovi capisaldi del Napoli del futuro. Vedremo se si adatterà subito alla Serie A, ma promette davvero bene. Pre-campionato da urlo, ha diversi gol nel serbatoio.

3) NEMANJA RADONJIĆ (TORINO)

Esordio con gol in Coppa Italia, voluto e ammirato da Juric, considerata la nuova stella del Torino. Un trequartista atipico, con grande forza fisica e consapevolezza dei propri mezzi. Il lato negativo semmai riguarda il caratteraccio, visto che spesso è esploso in reazioni non adeguate. Ha il fuoco dentro, corre molto, vede la porta. In granata può spiccare il volo.

4) TONNY VILHENA (SALERNITANA)

Nell’ambiziosa Salernitana di Nicola ecco il nuovo numero 10. Olandese di origine angolana classe 1995, che con il Feyenoord si era mostrato all’Europa e che non ha convinto nelle ultime esperienze con Krasnodar e Espanyol. Vanta comunque una tecnica sopraffina e diventa il rifinitore ideale per i campani. Trequartista o esterno, più uomo assist che finalizzatore, può rendere ovunque.

5) AGUSTÍN ÁLVAREZ (SASSUOLO)

Un 2022 con il Penarol da dimenticare e da mettere alle spalle, anche grazie alla fiducia del Sassuolo che ha investito quasi 12 milioni su di lui. Centravanti rapido e tecnico, non troppo fisico, può giocare anche come ala su entrambi i lati del campo. In Uruguay viene paragonato al connazionale Luis Suárez, soprattutto per l’inizio di carriera. È del 2001 e si sposa bene con Pinamonti: uno non esclude l’altro.

6) ADEMOLA OLAJADE LOOKMAN (ATALANTA)

Classico diamante grezzo che con Gasperini può incantare. Esterno, mezz’ala, ala, sottopunta. Molto duttile ed è stato scelto proprio per questo dall’Atalanta. Arriva da due buone stagioni in Premier, sia con il Fulham che con il Leicester, tanto che i bergamaschi hanno sborsato quasi 13 milioni per assicurarselo. Nato vicino a Londra, ha scelto la nazionalitá dei genitori (Nigeria), aveva fatto bene anche in Germania con il Lipsia. Molto, molto interessante vederlo all’opera in quel di Bergamo.

7) LEWIS FERGUSON (BOLOGNA)

Dopo Hyckey, rivenduto a cifre altissime proprio quest’estate, il Bologna ha pescato ancora in Scozia. Questa volta dall’Aberdeen, dove questo centrocampista offensivo classe 1999 ha appena chiuso due stagioni consecutive in doppia cifra. Occhio, perché con Mihajlovic che gioca con due trequartisti impuri (il suo ruolo ideale) può sorprendere anche in rossoblu. Gol facile, inserimento, tiro da fuori: è completo.

8) DODÔ (FIORENTINA)

Luka Jovic lo conosciamo tutti e allora dalla Fiorentina scegiamo l’esterno destro brasiliano. In Ucraina con lo Shakhtar, prima delle guerra, aveva fatto intravedere qualità eccellenti. Ama spingere, alzarsi e crossare ed è quindi funzionale all’idea di calcio di Italiano, che ama gli esterni propositivi. Prende a destra la zona e il posto di Odriozola. Può regalare anche più bonus dello spagnolo.

9) CYRIEL DESSERS (CREMONESE)

Un attaccante in grado di segnare a raffica. 20 gol nella scorsa stagione con la maglia del Feyenoord, capocannoniere in Conference League, partito fortissimo anche con il Genk in questa stagione. Alvini trova il centravanti perfetto per ambire alla salvezza. Ha 27 anni, nel pieno della maturità, è affamato e vuole fare bene in Serie A. Calcia con destro e sinistro: fattore non di poco conto.

10) MARCOS ANTONIO (LAZIO)

Il play di Sarri perfetto per come intende il calcio Sarri. Brasiliano ex Shakhtar, metodista, che gioca di prima e pulisce la palla. Non porta tanti bonus, segna pochissimo e calcia da fuori pochissimo. Però dà equilibrio e può avere una media voto alta. La Lazio ci punta molto, vedremo l’adattamento alla Serie A.