Skip to main content

Serie A: cosa è successo in questa 7° giornata di campionato

Milan, Inter e Napoli hanno incassato successi sabato, ieri invece si sono disputate quattro partite. Vittoria del Bologna sull’Empoli, pareggio 2-2 tra Udinese e Genoa, pari senza gol nella sfida a Bergamo. La Roma ha invece battuto il Frosinone. Il turno si chiude oggi con Sassuolo-Monza, Torino-Verona e Fiorentina-Cagliari. 

Dopo due occasioni iniziali per il Frosinone, è la Roma ad avere la meglio. Nella ripresa i giallorossi sono vicini al raddoppio ma anche il Frosinone è pericoloso. All’83° segna Pellegrini. Per Atalanta- Juve un primo tempo con pochissime occasioni da gol, l’Atalanta fa molto possesso palla, mentre la Juve è ordinata nel difendersi. Nel finale i padroni di casa ci provano ancora ma il risultato rimane sullo 0-0. Udinese e Genoa pareggiano 2-2. Al 14’ Gudmundsson segna il primo gol della partita. Al 23’ l’Udinese pareggia: Lucca segna il suo primo gol in Serie A. Al 41’ Gudmundsson segna di nuovo e questa volta può esultare: Il primo tempo finisce 2-1. L’Udinese arriva a pareggiare nel recupero: al 91’ c’è l’autogol di Matturro. Al 94’ rosso diretto per Lovric e Udinese in 10 uomini. Ma non c’è più tempo: finisce 2-2. Il Bologna batte 3-0 l’Empoli. Il primo gol arriva al 22’: con Orsolini. La reazione dell’Empoli è immediata e al 24’ ci pensa Maleh che centra però il palo. Al 37’ Caputo segna, ma il gol viene annullato per fuorigioco di Ebuehi. Il primo tempo finisce 1-0 per i padroni di casa. Nella ripresa l’Empoli si lancia a caccia del pareggio, ma a segnare il gol è di nuovo il Bologna: al 66’ ci pensa ancora Orsolini di sinistro.  Al 92’ sempre Orsolini, firma la tripletta. Salernitana-Inter finisce 0-4. Per i nerazzurri la partenza è ottima ma poi sono i padroni di casa che prendono il sopravvento. Nel primo tempo la squadra di Inzaghi crea diverse occasioni e va vicina al vantaggio con Sanchez e Dumfries. Dall’altra parte, pericolosi Cabral e Kastanos. Il primo tempo finisce 0-0. Nella ripresa i ritmi sono molto più bassi, per poi svegliarsi nell’ultima mezz’ora. Al 63’ l’Inter trova il primo gol con Lautaro, entrato da neanche 10 minuti. Al 66’ segna Legowski, ma era in fuorigioco. Al 78’ il raddoppio dell’Inter, ancora con Lautaro. All’85’ sempre Lautaro, questa volta su rigore. Il poker di Lautaro arriva all’89’, su assist di Carlos Augusto. Finisce 4-0 per i nerazzurri. Lautaro Martínez è il primo giocatore a segnare quattro reti in una partita di Serie A partendo dalla panchina. Il Milan batte 2-0 la Lazio. Il primo tempo si chiude senza gol. Inizialmente Felipe Anderson cerca di mettere a segno, ma le occasioni migliori sono rossonere: pericolosi Leao e Giroud. I gol che decidono il match arrivano nel secondo tempo. Al 60’ Leao mette in mezzo per Pulisic, che si smarca e calcia di sinistro: È 1-0. All’88’ ancora assist di Leao, questa volta per Okafor: 2-0. Finisce così, con i rossoneri che conquistano la terza vittoria di fila. Il Napoli vince 4-0 a Lecce, sbloccando la partita al 16’: punizione battuta dalla sinistra da Zielinski, Ostigard di testa mette la palla in rete. Il Lecce ci prova con Krstovic e Pongracic, ma il primo tempo finisce 1-0 per gli ospiti. Nell’intervallo entra Osimhen al posto di Simeone. Passano pochi minuti e, al 51’, proprio Osimhen firma il 2-0. Al 57’ Strefezza segna di testa, ma l’arbitro annulla per un fallo di mano a inizio azione di Krstovic. Il terzo gol del Napoli arriva all’88’: destro vincente di Gaetano, servito da Raspadori. A chiudere il match al 94’ è Politano su rigore.