Skip to main content

Roma, frattura della tibia per Wijnaldum

Uno dei grandi acquisti estivi della Roma è già ko. Il club potrebbe tornare sul mercato, ma sostituire l’olandese sarà difficilissimo.

Georginio Wijnaldum si è rotto ancora prima di cominciare. Il bollettino medico diffuso dalla Roma nel corso della serata di ieri è un colpo al cuore per la squadra: frattura della tibia destra. Mourinho, che lo aveva fortemente voluto a Trigoria, lo riavrà soltanto dopo il Mondiale e la pausa natalizia, quindi nel 2023. Dopo la conferenza stampa, in cui Mourinho aveva dato notizie confortanti sui progressi atletici dell’ultimo arrivato, l’allenamento di rifinitura prima della partita con la Cremonese è stato interrotto per il contrasto più crudele. Con il giovane Felix, che tra l’altro sta per passare alla Cremonese: una fatalità amara. E così Wijnaldum, che sperava di debuttare da titolare sabato prossimo contro la Juventus, si è ritrovato su una barella. Trasportato a Villa Stuart, dall’altra parte della città rispetto a Trigoria, è stato sottoposto alla risonanza magnetica: l’osso principale della gamba è rotto.  Adesso si entra in una nuova fase. Al momento non è prevista alcuna operazione, almeno non stamattina come si era pensato in un primo momento. Il club e il giocatore, a cui verrà applicato il gesso, si sono presi qualche ora in più per riflettere. Due le strade: operazione con stop di due mesi, due mesi e mezzo, oppure terapia conservativa, con stop che arriverebbe, in quel caso, a oltre tre mesi. I Friedkin consulteranno anche medici di loro fiducia, è un aspetto a cui tengono molto, ma alla fine sarà Gini a prendere la decisione dopo aver ascoltato tutti i pareri. Gini, come lo chiamano affettuosamente i tifosi della Roma che ne hanno presto adottato il coro personalizzato, aveva lasciato la Francia anche per recuperare una centralità tecnica che gli garantisse visibilità, ma il tempo non è dalla sua parte. Mancano meno di tre mesi all’inizio del torneo in Qatar: le possibilità di recupero sono praticamente nulle. Ma il problema è gravissimo soprattutto per la Roma, che perde uno dei rinforzi principali arrivati dal mercato. Tiago Pinto si confronterà oggi stesso con Mourinho e con i Friedkin per capire se e come intervenire. Un altro acquisto per il centrocampo non era nel budget. Ma l’imprevisto può cambiare i programmi della proprietà.