Skip to main content

Uefa: La finale Champions spostata da San Pietroburgo a Parigi

La guerra in Ucraina ha portato a spostare l’ultimo atto del 28 maggio allo Stade de France. Campo neutro per le partite con squadre russe e ucraine.

Il comitato esecutivo Uefa ha deciso di spostare ufficialmente la finale di Champions, prevista per il 28 maggio,  da San Pietroburgo allo Stade de France di Parigi. Il cambiamento era quasi inevitabile già da ieri, dopo l’invasione russa dell’Ucraina. Per il terzo anno consecutivo la sfida che assegna la coppa cambia sede. Nel 2020 e 2021 per la pandemia si è infatti giocata in Portogallo, prima a Lisbona e poi a Porto, entrambe le volte spostandola dalla sede originale di Istanbul. Inizialmente si era parlato di Wembley come possibile sostituta di San Pietroburgo, stadio che peraltro è già stato designato per la finale 2024. La scelta è invece caduta su Parigi. La capitale francese torna così a ospitare una finale di Champions dopo 16 anni. L’ultima risale infatti al 17 maggio 2006, con la vittoria del Barcelona sull’Arsenal 2-1. Il comitato esecutivo ha inoltre deciso che tutte le partite che vedranno impegnate squadre russe e ucraine, nazionali comprese (entrambe saranno impegnate negli spareggi per qualificarsi ai Mondiali in Qatar) si debbano giocare in campo neutro. Nelle tre coppe europee l’unica coinvolta è lo Spartak Mosca in Europa League.