Skip to main content

Indian Wells: ben cinque azzurri in gara. Djokovic ancora in dubbio

Con la vaccinazione anti Covid obbligatoria per entrare negli Usa è ancora incerta la presenza del serbo. Nel tabellone principale ci sono Berrettini, Sinner, Sonego, Fognini e Musetti.

Saranno cinque gli azzurri presenti nel tabellone principale nel “BNP Paribas Open” di Indian Wells, primo Masters 1000 stagionale da 8.761.725 dollari che si giocherà sul cemento californiano dell’Indian Wells Tennis Garden. Quattro di loro – Fognini, Musetti, Sinner e Sonego – sono stati sorteggiati nella parte alta del draw, quella presidiata da Medvedev: il solo Berrettini è finito nella parte bassa, quella di Djokovic. Fabio Fognini è atteso dallo spagnolo Pablo Andujar con la prospettiva di trovare al secondo turno il georgiano Nikoloz Basilashvili, finalista nella passata edizione. Per l’eroe di Davis Lorenzo Musetti primo impegno con lo statunitense Marcos Giron: chi vince troverà poi al secondo turno il ‘gigante’ statunitense Reilly Opelka. Ingresso in gara direttamente al secondo turno, invece, per Sinner, Sonego e Berrettini, inseriti tra le teste di serie. Il primo, attende il vincente del match tra il sudcoreano Soonwoo Kwon e il serbo Laslo Djere. Sarà invece sicuramente francese il primo ostacolo di Lorenzo Sonego, visto che uscirà dal ‘derby’ d’Oltralpe tra Benjamin Bonzi e Arthur Rinderknech. Per il piemontese, poi, possibile terzo turno con Sinner. Infine Matteo Berrettini, al rientro dopo il problema agli addominali accusato ad Acapulco, dovrà vedersela con il vincente della sfida tra l’altro francese Ugo Humbert e un giocatore proveniente dalle qualificazioni. A proposito del serbo, il suo nome figura in tabellone ma la sua assenza è quasi certa: per entrare negli Usa, infatti, serve essere vaccinati contro il Covid e la sua posizione a riguardo è ormai ben nota, tanto da avergli già impedito di disputare gli Australian Open. “Novak Djokovic è nella entry list e perciò è stato inserito nel sorteggio – hanno fatto sapere gli organizzatori in una nota -. Siamo attualmente in contatto col suo team ma ad oggi non è stato stabilito se parteciperà all’evento in quanto serve l’autorizzazione del Centro per la prevenzione e il controllo delle malattie per entrare nel Paese. Forniremo degli aggiornamenti quando ne sapremo di più”.