Skip to main content

Napoli: Garcia a rischio. Decisive le prossime 3 partite

Ieri c’è stato un incontro tra il tecnico e la società: le prossime tre partite saranno quelle decisive per evitare l’esonero.

I tifosi napoletani sono scontenti e la società è alquanto arrabbiata: troppo brutto il Napoli visto contro la Fiorentina per essere vero. Aurelio De Laurentiis dopo la partita è sceso nello spogliatoio per parlare con Rudi Garcia, per cercare di capire i motivi di una prestazione pessima, non degna di una squadra che fino a qualche mese fa era la migliore in Italia. All’incontro con Garcia all’hotel Parker di Napoli, De Laurentiis non c’era. La delegazione era composta dal d.s. Mauro Meluso, dal capo dell’area scouting Maurizio Micheli e dal Club manager Antonio Sinicopri. Il presidente, invece, era collegato in videoconferenza. Si è deciso quindi di aspettare qualche partita, per dare a Garcia un’ultima possibilità. Un Napoli che esce tra i fischi non piace a nessuno, in primis al suo presidente. Il popolo dei social, ieri, voleva esonero immediato, De Laurentiis, invece, tiene aperta ogni possibilità. Anche perché prendere oggi un allenatore nuovo significherebbe costringerlo a preparare la prossima sfida in casa del Verona senza conoscere i giocatori, molti dei quali impegnati con le nazionali. E poi ci sarebbe subito un’altra gara fondamentale in Champions, a Berlino contro l’Union, per chiudere il trittico della prima settimana contro il Milan. Ecco, la sfida al Diavolo sembra essere quella del giudizio: Napoli-Milan, la sfida verità. Garcia deve svoltare, altrimenti sarà addio, anche costoso: in caso di esonero il Napoli perderebbe i benefici fiscali del Decreto Crescita con cui ha ingaggiato il francese.