Skip to main content

MotoGP Spagna: vince Bagnaia, secondo Quartararo

Ecco l’ordine di arrivo della gara vinta da Francesco Bagnaia in sella alla Ducati. Il podio del motomondiale con Ducati, Yamaha e Aprilia.

Sul circuito di Jerez, teatro della 6a prova di Campionato MotoGP 2022, è arrivata la prima vittoria stagionale della Ducati di Francesco Bagnaia che vince il duello con Fabio Quartararo e centra il primo successo stagionale. Non c’è stata storia fin dai primissimi giri in questo Gran Premio di Spagna, con i due protagonisti che hanno quasi immediatamente staccato il gruppo imponendo un passo imprendibile per chiunque altro. Quartararo è stato per tutta la gara in scia a Bagnaia, senza però mai essere realmente pericoloso: il ducatista ha così firmato uno strepitoso Gran Chelem con pole, vittoria, giro più veloce e corsa sempre in testa, seguendo le orme di Loris Capirossi nel 2006. Jack Miller ha resistito agli attacchi di Marc Marquez e Aleix Espargaró fino a quattro giri dalla bandiera a scacchi, ma alla fine a spuntarla è stato lo spagnolo dell’Aprilia che ha sfruttato un calo della Ducati dell’australiano e un piccolo errore in curva 13 del connazionale della Honda (comunque quarto sulla pista che due anni fa aveva segnato l’inizio del suo calvario). Con questo risultato, la Casa di Noale perde ufficialmente le concessioni per il 2023, segno di una grande crescita che ha portato finalmente a essere al livello dei migliori. Sesta posizione per Joan Mir, il più vicino al terzetto in bagarre per il terzo posto, poi a seguire Takaaki Nakagami e un ottimo Marco Bezzecchi, che ha centrato il suo miglior piazzamento in MotoGP. Enea Bastianini è nono, confermandosi al terzo posto della classifica piloti, mentre Brad Binder ha completato la Top-10 tirandosi dietro Pol Espargaró e il compagno di squadra Miguel Oliveira.

L’ordine di arrivo dei primi dieci:

​Bagnaia (Ducati)

Quartararo (Yamaha)

Espargaro (Aprilia)

Miller (Ducati)

Marquez (Honda)

Mir (Suzuki)

Nakagami (Honda)

Bastianini (Ducati)

Bezzecchi (Ducati)

D.Binder (Yamaha)