Skip to main content

Moto Gp Portogallo: lotta Quartararo- Marquez, Bagnaia e Bastianini

Il Mondiale fa tappa in Europa. La Bestia, grande sorpresa di questo inizio di stagione, guida la classifica con 5 punti di vantaggio su Rins

La MotoGP torna in Europa dopo due tappe oltreoceano e comincia il suo tour nel Vecchio Continente dal Gran Premio del Portogallo. Sul circuito di Portimao si prevede grande equilibrio con tanti piloti potenzialmente candidati alla vittoria, primo fra tutti Fabio Quartararo.

Il circuito portoghese dell’Algarve è uno dei più tecnici e spettacolari del campionato: 15 curve (8 a destra e 7 a sinistra, il “mancino” Marquez non sarà contento) ma soprattutto dei saliscendi continui che costringono i piloti a fare molta attenzione nel calibrare le staccate, col rischio di andare lunghi in discesa o di frenare con troppo anticipo in salita. Ogni giro, 10 frenate. Secondo i calcoli di Brembo, le curve più impegnative sono la prima – affrontata a 336 kmh, obbliga a scendere ai 110 kmh in soli 259 metri! -, la terza e la quinta, dove in uno spazio di frenata di 208 metri si passa dai 252 ai 78 kmh. Sempre dai dati dei tecnici dell’azienda italiana, che lavorano a stretto contatto con i 24 piloti del mondiale (Brembo fornisce a tutti la pompa radiale), l’Algarve International Circuit rientra nella categoria dei circuiti mediamente impegnativi per i freni. In una scala da 1 a 6 si è meritato un indice di difficoltà di 3.