Skip to main content

Mondiali Qatar: Portogallo-Svizzera 6-1

Scintillante prestazione del Portogallo di Fernando Santos che rifila sei gol alla Svizzera.

Un superbo Portogallo annienta la Svizzera 6-1. Partita a dir poco perfetta per la squadra di Santos, che decide di lasciare in panchina Ronaldo dopo le tante polemiche nei giorni scorsi scegliendo al suo posto il giovane Gonçalo Ramos. La scelta è vincente e l’attaccante classe 2001 si inventa una clamorosa tripletta alla quarta presenza in carriera in Nazionale. Nel mezzo le reti di Pepe, Guerreiro e Leao nel finale. Tutto il Portogallo però disputa un match clamoroso, senza il suo leader assoluto.

Forse sarà un episodio sporadico, ma la banda lusitana gioca alla grande senza CR7. Joao Felix finalmente mette in mostra tutto il suo talento, Bernardo Silva e Bruno Fernandes si confermano campioni assoluti, bella partita anche dei vari Guerreiro, Otavio e Dalot, mentre Pepe comanda al meglio al centro della difesa. Ma naturalmente è Gonçalo Ramos a rubare la scena, sarà interessante vedere cosa sceglierà Santos per i quarti di finale contro il sorprendente Marocco. Certo è che questo Portogallo ora fa veramente paura: Gonçalo Ramos rappresenta il nuovo che avanza, mentre sembra sempre più vicina la fine dell’era dell’ex giocatore di Juve e United. Ma andiamo con ordine e vediamo cosa è accaduto nel match.

Ci si aspettava una partita equilibrata, invece c’è stata una sola squadra in campo almeno nel primo tempo e questa è il Portogallo. Senza Cristiano Ronaldo e Cancelo, gli uomini di Santos passano subito in vantaggio grazie a Gonçalo Ramos che la mette dentro al primo tiro in porta. I rosso crociati faticano a trovare spazio e così Pepe raddoppia su colpo di testa dal corner. La Svizzera proprio non c’è e i lusitani rischiano di dilagare ancora con Gonçalo Ramos, ma il suo tiro a tu per tu col portiere nel finale di primo tempo trova una buona risposta di Sommer.
Comincia la ripresa ma il Portogallo continua ad attaccare a testa bassa e in poco tempo è già 4-0. A rubare la scena è sempre Gonçalo Ramos: prima trova la doppietta, poi serve l’assist per la rete Raphael Guerreiro. Sembra tutto fatto, ma la Svizzera ha un lampo d’orgoglio e Akanji insacca il gol della bandiera da corner. I rosso crociati ritrovano un po’ di verve, ma dopo pochi minuti arriva la clamorosa tripletta di Gonçalo Ramos, bravo a superare Sommer con un bel tocco sotto. La partita si chiude praticamente qui, c’è da segnalare la standing ovation di tutto lo stadio all’ingresso di Ronaldo. Nel finale entra Leao e in pochi secondi la mette dentro a giro nel recupero.

Poche storie, il Portogallo gioca la partita perfetta, uno dei migliori match della storia della squadra lusitana nei grandi tornei. Tutti si esprimono al meglio delle proprie possibilità e ora si può sognare nei quarti di finale. Il problema era veramente la presenza in campo di Cristiano?

La controprova non l’avremo mai. Forse i portoghesi avrebbero stravinto anche con Ronaldo in campo, ma oggi sembra veramente iniziata una nuova era per il calcio lusitano, il dopo CR7.
Svizzera invece bocciata in toto. Nulla da salvare nella squadra di Yakin, che sbaglia totalmente le sue scelte e semplicemente non vede un pallone. Sicuramente l’obiettivo prima della spedizione in Qatar era passare il girone ed è raggiunto, perdere però in questa maniera crea veramente imbarazzo.