Skip to main content

Mondiali Qatar: Olanda-Stati Uniti 3-1

La nazionale Oranje centra i quarti di finale grazie ai gol di Depay e Blind nel primo tempo, entrambi su assist dell’esterno nerazzurro, che poi chiude i conti nella ripresa.

Una buona Olanda supera gli Stati Uniti nel primo ottavo di finale di questo Mondiale 2022. Senza strafare più di tanto gli Oranje hanno la meglio degli States per 3-1. Una vittora quasi mai messa in discussione: la squadra di Van Gaal continua a non rubare l’occhio in questo torneo, ma si conferma ultra cinica in avanti ed estremamente solida in difesa, lasciando le briciole agli avversari. E così per i Paesi Bassi centrano i quarti di finale mettendo fine alla favola di coach Berhalter. Dopo un buon girone gli USA lasciano il Qatar con l’amaro in bocca, mai veramente in lotta quest’oggi. Ma andiamo con ordine e vediamo cosa è accaduto in questo match.
Gli Usa partono meglio e vanno subito vicino al gol con Pulisic, ma l’Olanda passa avanti al primo tiro in porta con Memphis Depay, imbeccato al meglio da un bel cross rasoterra di Dumfries. Il vantaggio dei Paesi Bassi addormenta il match: la squadra di Van Gaal si difende al meglio e per gli americani non ci sono spazi in attacco. Solo Weah con un bel tiro dalla distanza si rende pericoloso, per il resto c’è poco da segnalare per la banda di Berhalter. Nel recupero però l’Olanda raddoppia con un gol fotocopia del primo: cross rasoterra sempre di Dumfries, stavolta per Blind che col destro mette in rete. Due azioni per gli Oranje e due gol, viva la concretezza.
Nella ripresa i ritmi sono più alti e il gioco ne guadagna. Usa subito vicini al 2-1 con McKennie e Ream, ma c’è bisogno dell’ingresso di Wright per la rete che riapre l’incontro. Gli americani ci credono e si buttano in avanti, ma finiscono per subire la rete del 3-1: Blind dalla fascia crossa dall’altra parte per Dumfries che, tutto solo, appoggia in rete col sinistro. Il terzo gol taglia le gambe ai ragazzi a stelle e strisce che si arrendono.
Prosegue quindi il mondiale dell’Olanda. Non segna Gakpo per la prima volta, ma si sveglia Memphis. Bene anche De Jong, ma a sorprendere è un immenso Dumfries, sicuramente il migliore in campo. I Paesi Bassi continuano a non mettere in mostra un grande calcio, ma vincono ancora e avanzano meritatamente ai quarti. Per gli USA invece si chiude comunque un buon torneo: tanti bei ragazzi messi in mostra, ottime le basi per il futuro.