Skip to main content

Mondiali Qatar: la Croazia batte ai rigori il Brasile

Il Brasile si illude con Neymar nei supplementari, ma Petkovic al 117° pareggia la gara e i Croati battono a sorpresa il Brasile ai rigori.

Crederci sempre, mollare mai. Pare essere veramente questo lo spirito della Croazia, primo vero ostacolo del Brasile sulla strada al sogno Coppa del Mondo… E subito traguardo insormontabile per la Selecao. E’ una beffa amara quella dei verdeoro, che avevano visto la qualificazione in semifinale lontana meno di 3 minuti. Dopo i 90 dei regolamentari terminati sullo 0-0 infatti, era stato un guizzo di Neymar a regalare al termine del primo extra-time quello che sembrava, a tutti gli effetti, il gol vittoria. Così non è stato. La Croazia – fin qui vincitrice di una sola partita nell’arco dei 90 minuti, ovvero con il Canada ai gironi – è riuscita a trovare un gol insperato con Petkovic al 118°, aiutato anche dalla provvidenziale deviazione di Marquinhos. Un sigillo che ha portato la sfida ai rigori. E lì, naturalmente, è salito in cattedra il vero protagonista della partita e del Mondiale croato: Dominik Livakovic.

Dopo aver parato già contro il Giappone; dopo aver preso tutto il parabile (soprattutto nel secondo tempo) con il Brasile, Livakovic ha subito ipnotizzato Rodrygo, primo rigorista dei verdeoro. La Croazia è così andata spedita centrando il 4 su 4 con i vari Vlasic, Majer, Modric e Orsic. A sbagliare il quarto rigore per il Brasile è arrivato poi Marquinhos, che colpendo il palo ha regalato alla piccola nazionale balcanica – già finalista a Russia 2018 – una sorta di conferma in semifinale. Il Brasile piange così lacrime amare, mentre la Croazia attende ora la vincente di Olanda-Argentina.