Skip to main content

Milan-De Ketelaere, è fatta: Visite tra domani e lunedì

Accordo raggiunto tra Milan e Bruges, mancano solo le pratiche burocratiche. Per il giocatore un quinquennale da 2,3 milioni a stagione.

Finalmente si è raggiunto l’accordo totale tra Milan e Bruges: Charles De Ketelaere è un giocatore del Milan. Il costo del trasferimento è 32 milioni più 3 di bonus e una percentuale sul margine della rivendita a favore del Bruges, come da tradizione nei trasferimenti internazionali. Manca ancora la piena ufficialità, questioni burocratiche più che altro. Non è stato ancora messo tutto nero su bianco e, come spesso in questi casi, si starà giustamente ragionando sulla formulazione di qualche tecnicismo da contratto. Se tutto andrà come previsto in sede legale, Charles arriverà a breve in Italia probabilmente oggi, al più tardi domani, mentre le visite mediche al momento sono programmate tra domani e lunedì. Pioli, insomma, potrebbe averlo a disposizione con la squadra al rientro da Marsiglia, dove il Milan giocherà domenica alle 18, nel test internazionale più importante della sua estate. La trattativa è stata sicuramente infinita, una delle più estenuanti che si ricordino. Il Milan ha sempre voluto Charles, Charles ha sempre voluto il Milan e per lui ha rifiutato il Leeds, pronto a dare al Bruges 40 milioni e a lui un contratto superiore a quello che avrà in Italia. L’ accordo che firmerà De Ketelaere col Milan sarà un quinquennale da 2,3 milioni a stagione, in linea con la politica di Elliott, che ha sempre puntato su calciatori giovani, con salari non esagerati e le potenzialità per diventare a medio termine colonne del club oppure uomini da plusvalenza. Nel lungo percorso, sono stati decisivi la volontà di Charles e i due incontri di persona. Il Milan ha scelto De Ketelaere come trequartista titolare. Sicuramente però l’affare è un simbolo del modo di lavorare del Milan. Maldini e Massara hanno scelto un ventunenne e sono andati dritti su di lui, senza ripensamenti e senza paura di fare scelte diverse dalla concorrenza. Un modo di fare mercato molto lontano da quello degli altri grandi club italiani.