Skip to main content

Il Milan si è bloccato. Solo quattro gol nelle ultime sette partite

Fra campionato e Coppa Italia i rossoneri si sono inceppati. L’ultima rete è stata quella di Giroud a Napoli che risale a oltre un mese fa.

Il Milan si è inceppato proprio nel momento meno opportuno della stagione. Dopo la partita di Salerno, datata 19 febbraio, il Diavolo non è mai più riuscito a segnare più di un gol. Quando è andata bene. Parliamo di sette partite, semifinale di Coppa Italia compresa, in cui il bottino totale è di 4 reti. Un dato che fa a cazzotti con chi ha ambizioni di scudetto. Fino a qualche mese fa era una squadra capace di rimediare alle assenze, in grado di trovare mille soluzioni diverse per andare in buca, abile a non dare punti di riferimento agli avversari in fase offensiva. Di questa squadra là davanti è rimasto poco e nulla: se il Milan, nonostante i due pareggi consecutivi, resta in lotta per il titolo lo deve alla efficacissima fase difensiva. E’ la parte della medaglia che luccica, ma con sei partite ancora da giocare non può bastare. Là davanti si sono inceppati tutti. L’ultimo gol di un attaccante è quello di Giroud a Napoli. Era il 6 marzo. Poi il sipario è calato del tutto. Le cause? Sono tante. Alcuni iniziano a essere stanchi (con il lungo elenco di infortuni lungo la stagione, a certi giocatori sono stati chiesti gli straordinari), il gioco rossonero inizia a essere leggibile nonostante Pioli cerchi sempre di inserire qualche fattore di novità e poi, molto semplicemente, quando si arriva al momento dell’ultimo passaggio, il più delle volte viene presa la decisione sbagliata. Frenesia, incapacità di saltare l’uomo, egoismo, errori tecnici. C’è un po’ di tutto sulla trequarti rossonera e in questi casi l’allenatore c’entra poco. In questo campionato nessun giocatore del Milan è ancora arrivato in doppia cifra. Ibra, Giroud e Leao si sono per il momento fermati a otto. Un chiaro indizio anche questo.