Skip to main content

Formula 1: GP Miami predominio Red Bull

Scattato dalla 3ª fila dopo una qualifica deficitaria, Verstappen ci mette appena 20 giri per rimontare 8 posizioni ed andare a prendersi la terza vittoria di questo formidabile 2023

Un Max Verstappen in versione capitan America stravince il GP di Miami, con una rimonta strabiliante e raddrizza un sabato da incubo nel modo più dolce andandosi a prendere la terza vittoria di un 2023 abbacinante per sé e per la Red Bull, un binomio implacabile ed imprendibile per la concorrenza. Già perché per il quarto gp dei cinque disputati in questa stagione la scuderia di Milton Keynes monopolizza le prime due posizioni del podio lasciando solo le briciole ai rivali, che arrancano e si devono accontentare di lottare per ciò che resta. Il gradino più basso del podio lo conquista ancora una volta Fernando Alonso, questa volta a sorpresa su Russell e le Ferrari.
Doveva infatti essere il GP della conferma sul podio per il Cavallino Rampante e invece la domenica di Miami si materializza nell’ennesima delusione di inizio stagione a casa Maranello, che vive 57 giri di totale sofferenza: Sainz non va oltre il 5° posto, ricevendo peraltro una penalità di cinque secondi che fortunatamente non influisce sul piazzamento finale, mentre Leclerc non trova mai il passo ideale e passa sotto la bandiera a scacchi al 7° posto, stesso risultato delle qualifiche determinate dall’incidente, strappando difficili sorpassi su vetture più lente come la Haas di Magnussen e le Alpine. Un passo indietro che deve far riflettere.

ORDINE D’ARRIVO DEL GP MIAMI

1. VERSTAPPEN (RED BULL) 1
2. PEREZ (RED BULL) +5.384
3. ALONSO (ASTON MARTIN) +26.305
4. RUSSELL (MERCEDES) +33.229
5. SAINZ (FERRARI) +42.511
6. HAMILTON (MERCEDES) +51.249
7. LECLERC (FERRARI) +52.988
8. GASLY (ALPINE) +55.670
9. OCON (ALPINE) +58.123
10. MAGNUSSEN (HAAS) +62.945