Skip to main content

F1: GP Australia, Verstappen sempre in testa. Eroico Sainz 2° con la Ferrari dopo l’operazione

Reduce dall’appendicite, Sainz torna in pista a Melbourne e si regala la partenza dalla prima fila lottando per la pole position con Verstappen.

È paragonabile ad un’impresa la prima fila che ha conquistato Carlos Sainz nel GP Australia. Lo spagnolo della Ferrari è arrivato a Melbourne senza alcuna possibilità di allenarsi dopo l’improvvisa operazione di appendice a cui si è dovuto sottoporre due settimane prima, saltando il precedente round del Mondiale di Formula 1: dichiarato idoneo a guidare dai medici, il 29enne è arrivato a giocarsi la pole position con Max Verstappen, terminando le qualifiche al secondo posto. Evidente però la sofferenza sul suo volto al termine della prova, uscito a fatica dall’abitacolo della SF-24 e trasportato su una golf car verso la zona delle interviste. Qui ha espresso le sue sensazioni: “Ho vissuto un paio di settimane davvero difficili. Un po’ di giorni passati a letto e l’incognita se ci sarei stato a Melbourne. Alla fine sono riuscito a venire in Australia e mi sono piazzato addirittura in prima fila, quasi non ci credevo. Sono davvero felice di poter gareggiare e competere con le Red Bull: ho fatto un gran giro”. Così ha risposto riguardo alla propria tenuta fisica: “All’inizio c’era un po’ di ruggine ieri, ma ho ripreso piano piano il mio passo e la velocità, mi trovo davvero bene sulla macchina. Non sono davvero nella condizione perfetta quando sono alla guida, ma penso di potercela fare anche domani per la gara: è abbastanza scomodo, ma non ci sono troppi dolori, quindi cercherò di spingere”. Carlos Sainz si è lasciato andare con un pensiero: “Da non aver corso a Gedda alla P2 in due settimane, che viaggio! Sono molto contento, perché quando sono arrivato qui non sapevo se sarei stato in grado di correre, ma abbiamo migliorato in ogni sessione e ho dato tutto per la pole. Se il mio corpo lo sopporta, domani lotterò per un buon risultato in gara”.