Skip to main content

Eurolega: L’Olimpia vuole battere il Bayern e dice addio a Moraschini

Partita importante per il finale di stagione europea dei biancorossi. In serata sono previsti altri due match alle 19 e alle 20.

Si inizia questa settimana all’insegna degli appuntamenti di basket già da questa sera, con tre recuperi nella massima competizione continentale, tra cui quello dell’Olimpia Milano, che dopo la grande vittoria sul campo dell’Anadolu Efes valsa il fattore campo nei play-off, ospita al Forum il Bayern Monaco di Trinchieri. L’Olimpia torna al Forum tre giorni dopo la vittoria in campionato con Varese. Ne sono passati quasi 50 dall’ultima partita in casa in Eurolega, un agile successo con il Baskonia. Da allora, cinque trasferte europee e la qualificazione ai playoff assicurata. Quello di oggi alle 20.30 è il recupero della partita con il Bayern rinviata per i numerosi casi di positività al coronavirus nella squadra allenata da Andrea Trinchieri e del manager Daniele Baiesi. A Milano basta una vittoria in una delle ultime tre partite di stagione regolare per garantirsi un posto tra le prime quattro, quindi il fattore campo nei playoff e la possibilità di giocare in casa l’eventuale gara decisiva. Il fattore campo nei quarti di finale è un elemento non trascurabile. Lo scorso anno Milano si qualificò alle Final Four battendo proprio il Bayern alla quinta partita in casa, al termine di una bellissima serie dove nessuno ha mai vinto in trasferta. Nella partita di ritorno della stagione regolare al Forum, dominata da Milano, ci fu anche una certa tensione nel dopo partita quando Ettore Messina si rivolse in modo piuttosto deciso nei confronti dell’addetto stampa tedesco che si era lamentato dei tempi delle conferenze post partita. Tra la sana rivalità in campo e le scintille fuori, questa sfida è già diventata una piccola classica. La squadra di Trinchieri è seconda in classifica in Germania e ha perso le ultime due partite in Eurolega, in casa con l’Olympiacos e ad Atene con il Panathinaikos. “È la prima di due partite complesse in una settimana molto importante per il nostro futuro – ha detto Messina – Vorremmo dare continuità alla bella partita vinta a Istanbul con l’Efes, migliorando ancora la qualità del nostro gioco, ad esempio il movimento di palla, la ricerca dell’uomo libero. Il Bayern è una squadra molto preparata, dura sia mentalmente che fisicamente, quindi ci aspettiamo un compito molto difficile”. Nel frattempo Milano ha risolto il contratto con Riccardo Moraschini in scadenza a giugno. È stato squalificato per un anno il 3 gennaio scorso dal Tribunale nazionale antidoping perché trovato positivo al clostebol (uno steroide anabolizzante) durante un controllo in ottobre. E già i tempi dovrebbero far riflettere. Gli è stata riconosciuta la buona fede visto che l’assunzione della sostanza proibita contenuta in una pomata sarebbe avvenuta inconsapevolmente mediante contatto con una terza persona. Ma i tempi della giustizia sportiva, oltre a un errore procedurale da parte della sua difesa nell’impugnazione del provvedimento, gli hanno fatto perdere un anno di carriera. A 31 anni, Moraschini ha saltato una stagione importante in cui avrebbe potuto giocarsi la conferma. Si merita una nuova chance.

 

Martedì 29 marzo

 

Ore 19:00 – Panathinaikos – Maccabi Tel Aviv

Ore 20:00 – Fenerbahçe – Alba Berlino

Ore 20:30 – Olimpia Milano – Bayern Monaco