Skip to main content

El Shaarawy in lacrime dopo il gol: “vivo per il calcio, non gli mancherei mai di rispetto"

Il Faraone, dopo il gol che ha regalato al 90′ la vittoria alla Roma sul Monza, è scoppiato in un pianto liberatorio dovuto allo stress riguardanti le vicende degli ultimi giorni sullo scandalo scommesse. 

Il gol proprio al 90′ che ha regalato i tre punti alla Roma è stata una vera e propria liberazione per Stephan El Shaarawy. Per lui il valore è doppio perché si è tolto di dosso le accuse degli ultimi giorni, anche lui tirato in ballo da Fabrizio Corona nel caso delle scommesse. Prima i suoi legali, poi la società e ieri anche Mourinho lo hanno difeso privatamente e pubblicamente, dando fiducia al calciatore che non risulta indagato né dalla procura di Torino né da quella federale. Prima l’abbraccio con Lukaku e poi il pianto liberatorio dopo una settimana di tensioni e accuse infondate. Ecco le sue dichiarazioni: “Sono state emozioni veramente forti. Ho sempre vissuto per questo, per il gol, per la gioia con i tifosi, per tutto questo. Penso sia stata veramente una gioia incredibile fare il gol vittoria. È stato un pianto liberatorio, uno sfogo per questa settimana che è stata pesante. In quella corsa c’era tutto. La voglia di fare bene e aiutare la squadra. C’era la rabbia di aver sentito voci non vere. C’era tutta quell’emozione e quella voglia che mi ha accompagnato in tutte le squadre. Sono sempre stato un professionista e non ho mai pensato di mancare di rispetto al mio lavoro e allo sport che amo”. “Mi hanno fatto male queste speculazioni, l’ho detto sui social. Mi sento con la coscienza a posto al 100% e fa male quando vengono dette cose non vere. Si è accumulato con le emozioni del gol. Sono felice però, è la quarta vittoria di fila, importante perché stiamo dando continuità, cosa che non avevamo l’anno scorso. Ci dà tanta fiducia per le prossime partite. Dobbiamo continuare su questa strada. Ma dobbiamo migliorare perché senza il gol si sarebbe parlato di altro e di un’altra Roma. Ci teniamo stretti i tre punti. Andiamo avanti così e sappiamo in cosa dobbiamo migliorare. L’Europeo? È un mio obiettivo e lo è anche dell’Italia. Siamo forti e dobbiamo centrarlo”.