Skip to main content

Champions League: Inter vince 4-0 contro il Victoria Plzen ritorno di Lukaku e gol

I nerazzurri spazzano via il Viktoria Plzen e si qualificano agli ottavi di finale, eliminando in pratica il Barcellona che si deve ‘accontentare’ dell’Europa League.

Grande vittoria per la squadra di Simone Inzaghi che abbatte il Viktoria Plzen per 4-0 con i gol di Mkhitaryan, doppietta di Dzeco e Lukaku che da subentraro ritorna subito al gol dopo il suo lungo stop. I nerazzurri sono così matematicamente qualificati per gli ottavi di finale di Champions League insieme al Bayern Monaco nel girone C, mentre il Barcellona dovrà accontentarsi dell’Europa League.

Avvio un po’ timoroso e sotto tono quello della squadra nerazzurra, ma con il passare dei minuti gli uomini di Inzaghi (sostituito da Farris per squalifica) prendono coraggio e iniziano a presentarsi costantemente dalle parti di Stanek. Dopo diverse occasioni create e non andate a buon fine, il vantaggio arriva al 35′ con il colpo di testa di Mkhitaryan, che impatta sul cross di Bastoni e fa esplodere San Siro firmando l’1-0. Prima del riposo l’Inter torva anche il raddoppio grazie alla solita zampata sotto porta di Dzeko, servito alla perfezione da Dimarco.

Al rientro dagli spogliatoi i nerazzurri non sembrano avere intenzione di mollare un centimetro e in pochi istanti sfiorano il tris prima con Mkhitaryan, stavolta fermato da un palo, poi con Lautaro murato da un attento Stanek. Ci penserà nuovamente Dzeko, al 66′, a trovare la via del gol che chiude anticipatamente i conti, pescando l’angolino con il sinistro su assist di Lautaro.

Nel finale la festa viene completata da Lukaku che, al rientro dopo un lungo stop, ritrova subito la gloria personale firmando il definitivo 4-0 sulla verticalizzazione di Correa.

Infatti, sono bastati appena cinque minuti a Romelu Lukaku per tornare a mettere il suo nome nel tabellino dei marcatori. Il centravanti dell’Inter, rientrato in campo a due mesi esatti dall’ultima gara in nerazzurro dopo un lungo infortunio, ha infatti siglato il gol del definitivo 4-0.