Skip to main content

Caso Pogba, dettagli sconvolgenti: minacciato da uomini armati

Il centrocampista sarebbe stato sequestrato a marzo, durante la settimana degli impegni della nazionale francese, nel quartiere parigino dov’è cresciuto.

Continua a scatenare forte interesse la situazione caotica che si è creata intorno a Paul Pogba. Secondo fonti vicine alle indagini, emergono dettagli scioccanti con il centrocampista della Juve che sarebbe stato minacciato lo scorso marzo da due uomini armati. Pogba è stato portato in un appartamento di Parigi dopo essere entrato in contatto con ex soci durante una visita al suo vecchio quartiere di Roissy-en-Brie. I due individui incappucciati e armati con un M16 e un altro fucile d’assalto, hanno minacciato il fenomeno francese a causa del mancato pagamento dei 13 milioni di euro richiesti da questi uomini. A quel punto Pogba sarebbe stato costretto ad accettare la presenza permanente al suo fianco di un uomo di nome Babacar al quale nell’aprile 2022 ha consegnato oltre 100.000 euro. Inoltre, le persone dietro questa estorsione avrebbero in loro possesso una chiave USB che sostengono contenga un video su quanto accaduto. La notizia è emersa pubblicamente sabato sera con il video di Mathias Pogba, il fratello maggiore di Paul che promette importanti rivelazioni sul fratello ma anche su Kylian Mbappé. Gli avvocati della Juve hanno subito comunicato di aver intrapreso azioni legali. In Francia è stata aperta un’inchiesta per “sospetti di tentata estorsione”.