Skip to main content

Calciomercato: Milan Leao apre al rinnovo con i Rossoneri

 Il contratto di Rafael Leão con il Milan scade a giugno 2024. La dirigenza rossonera sta provando a convincere l’entourage del giocatore ma la trattativa non è semplice.

Finalmente si è esposto Rafael Leão sul tema spinoso del suo rinnovo con il Milan che tiene in apprensione Pioli e il popolo rossonero. Il calciatore portoghese dopo Portogallo-Uruguay ha infatti concesso qualche dichiarazione a La Gazzetta dello Sport. “Sono contento, orgoglioso, ora devo stare concentrato sul Mondiale, poi col Milan parlerò appena arrivo”, ha detto il numero 17, ed ha svelato un retroscena: “Già prima di arrivare in nazionale abbiamo fatto una riunione con Maldini, è stata positiva, quindi quando arriverò a Milano parleremo bene”. L’ala sinistra, MVP della scorsa Serie A, ha quindi lanciato segnali di apertura, anche se mancano ancora un po’ di elementi per la firma.

Era già abbastanza chiaro e queste dichiarazioni sono una conferma: Rafael Leão vuole fare il possibile per rimanere al Milan. Si diverte, è in un contesto che lo esalta, ha vinto uno Scudetto e il progetto è ambizioso. Dunque, la stella dell’11 di Pioli è contento di sedersi ad un tavolo con la dirigenza, senza prima trovare accordi con altri club, che sarebbero probabilmente disposti ad offrirgli un contratto più oneroso. Al contempo, i vertici del club rossonero vogliono la sua firma e sono perciò disposti ad uno sforzo economico per non perdere il proprio gioiello più prezioso. Lo scenario da evitare in tutti i modi è l’addio tra un anno da svincolato, ma c’è innanzitutto il desiderio di tenerlo a lungo, proprio per raggiungere insieme a lui altri traguardi importanti. E allora quale sarebbe il problema? Innanzitutto, il risarcimento da circa 20 milioni che Rafael Leão deve allo Sporting Lisbona, suo ex club, per la risoluzione unilaterale. Al momento un quinto dello stipendio del giocatore è pignorato per questa ragione. Il portoghese chiede quindi un sostegno dal Milan con una somma da aggiungere al nuovo ingaggio o con un adeguamento del contratto molto pesante, forse impossibile per le casse del suo attuale club. L’entourage del 17 rossonero, composto da Jorge Mendes e l’avvocato Ted Dimvula, non è disposto a fare sconti e non si accontenterà dei 6 milioni offerti nelle prime discussioni. Questo è, in definitiva, l’aspetto più preoccupante della trattativa. Che tra poche settimane sarà al centro dei pensieri di Maldini e Massara.