Skip to main content

Calcio in Lutto: morto Sinisa Mihajlovic

Si è spento Sinisa Mihajlovic: storico giocatore ed allenatore della nostra Serie A, lascia ai posteri una dinastia fatta di vittorie, lotta e magia. 

Pesante lutto nel calcio italiano: nella giornata di venerdì, all’età di 53 anni, è morto Sinisa Mihajlovic. L’ex allenatore del Bologna soffriva da tempo di una forma acuta di leucemia. Una partita che l’ex calciatore serbo aveva cominciato a giocare nel 2019, serrando i denti e senza paura alcuna, fino a tornare sulla sua panchina in Serie A. Nell’ultimo periodo tuttavia, dopo l’esonero dalla panchina rossoblù, le sue condizioni sono peggiorate progressivamente. Scaltro cecchino in mezzo al rettangolo verde, combattente viscerale sulla panchina, il suo talento e la sua conoscenza calcistica hanno segnato epoche d’oro di molte squadre: dalla Stella Rossa, alla Lazio, fino all’Inter. Ad annunciare la morte con un comunicato è stata la famiglia dell’ex difensore ed allenatore serbo con una nota da cui trapela, il coraggio e l’amore dei suoi cari per questo straordinario uomo.
“La moglie Arianna, con i figli Viktorija, Virginia, Miroslav, Dusan e Nikolas, la nipotina Violante, la mamma Vikyorija e il fratello Drazen, nel.dolore comunicano la morte ingiusta e prematura del marito, padre, figlio e fratello esemplare, Sinisa Mihajlovic. Uomo unico professionista straordinario, disponibile e buono con tutti. Coraggiosamente ha lottato contro una orribile malattia. Ringraziamo i medici e le infermiere che lo hanno seguito in questi anni, con amore e rispetto, in particolare la dottoressa Francesca Bonifazi, il dottor Antonio Curti, il Prof. Alessndro Rambaldi, e il Dott. Luca Marchetti. Sinisa resterà sempre con noi. Vivo con tutto l’amore che ci ha regalato”.

Credit foto: shuttertock